Oratorio Estivo 2021

Ecco un primo volantino che preannuncia l’Estate Ragazzi di quest’anno. Ci sarà, gli animatori, educatori e salesiani si stanno già preparando e preparando il meglio per i ragazzi. Purtroppo non possiamo ancora fornirvi tutti i dettagli perchè ancora in attesa delle disposizioni definitive da parte delle istituzioni. Comunque noi siamo pronti e vi aspettiamo…

Appena saranno pubblicate le disposizioni per questa estate vi forniremo tutti i dettagli e apriremo le iscrizioni.

 

Quaresima: La “sorpresa” di Pasqua.

La “sorpresa” di Pasqua

Una delle tradizioni di Pasqua è scambiarsi o regalare uova di cioccolato, soprattutto con i bambini. Con una particolarità: la sorpresa. Anch’io ricordo quando ero bambino. In quel tempo la sorpresa era più importante dell’uovo stesso. Ancora adesso quando si vede un uovo di Pasqua si pensa alla sorpresa che custodisce. Ed immagino gli occhi dei bimbi che assisteranno al momento in cui qualche adulto spaccherà quel loro dolce. Quegli occhi spalancati, pieni di improvviso stupore, sono i veri occhi “pasquali”. Sono gli occhi dei primi discepoli che hanno visto il Risorto. Non riuscivano a crederci, lo guardavano tra la meraviglia e l’incredulità. Troppo bello per essere vero! Troppo grande, troppo entusiasmante, troppo importante, troppo nuovo! Troppo! Un uomo che vince la morte, che non viene inghiottito dal nulla, che trasforma il muro in breccia! Ciò che è solo tenebra diventa all’improvviso luminoso. Non riescono a crederci. Stupore. Incredulità. Quegli uomini esultano e tentennano, poi corrono, saltellano, gridano. La sorpresa li rigenera, li rende leggeri. I due di Emmaus corrono per undici chilometri al buio per andare dagli amici a gridare, con la voce spezzata dell’emozione: Gesù è Risorto. La fine non è più fine; il nulla non è più invincibile. Non siamo più schiavi, ma liberi. La paura, il dolore, il sospetto, la morte… non sono più nemici invincibili. Ora possiamo rialzarci, alzare la testa da persone libere. La vita non finisce nel nulla, ora ha un senso, un fine, una breccia. In ogni momento, anche il più duro e doloroso, c’è un ultimo e ulteriore senso: stare in Lui, nel Risorto. Nulla ci separerà dal suo amore, nulla ci strapperà dalla sua mano. Nemmeno l’ingiustizia della morte. Neppure le sofferenze più forti. Neppure la pandemia che tutti ci coinvolge.

Viviamo una Pasqua ancora segnata dalla persistenza del contagio. Distanziati, con amici ammalati, alcuni gravi, con enormi fatiche lavorative, scolastiche e sanitarie. Ci siamo dentro, tutti nella stessa barca assalita dalla tempesta, come sì è espresso un anno fa papa Francesco. Impauriti, stanchi, delusi, arrabbiati.

E dopo i primi mesi segnati dall’ “andrà tutto bene”, ora in molti lo scoraggiamento, il puntare il dito, le accuse ai privilegiati, la lotta alle inadempienze, la ricerca dei colpevoli. E’ normale . La fatica si fa sentire ed emergono sbagli ed ingiustizie. E’ situazione da affrontare con realismo. Ma non dobbiamo fermarci a questo. La Pasqua arriva per curarci l’anima. Qualcuno ha detto che “la pandemia è iniziata come malattia dei corpi e sta diventando malattia dell’anima”. La Buona Notizia di Pasqua ci dice che non siamo e non saremo mai “incatenati” dalla pesantezza dell’anima. “Se, nonostante tutto siamo ottimisti è perché Cristo è risorto!“, gridava al mondo don Franco Delpiano mentre la leucemia lo stava uccidendo. Combattiamo con una certezza: abbiamo in squadra il Vincitore. Anzi, con una sorpresa in più, quel vincitore è il Crocifisso. E’ colui che ha vinto la morte.

I discepoli, dopo la sorpresa della Risurrezione, hanno una ulteriore sorpresa: la croce non è solo tragedia, bensì un atto d’amore. Lì c’è Dio che si spende per noi, oltre ogni misura. Con lui siamo forti, con Lui possiamo reggere e sperare. Buona Pasqua

Don Claudio

Dal vangelo secondo Giovanni  (20,1-9)

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

 

Quaresima: Settimana Santa in tempo di Covid.

Settimana Santa in tempo di Covid.

Ancora una volta i riti della Settimana Santa saranno in parte condizionati dalle norme per contenere la pandemia, tuttavia, rispetto allo scorso anno, potranno avvenire in presenza dei fedeli. Lo scorso anno, infatti, non fu possibile ai fedeli assistere personalmente ai riti, complice il lockdown che fermò il Paese per oltre due mesi.
I Vescovi italiani, al riguardo, esortano alla presenza durante i riti della Settimana Santa “nel rispetto dei decreti governativi riguardanti gli spostamenti sul territorio e delle misure precauzionali”, e,  aggiungono, che la possibilità di ricorrere all’uso dei social media avvenga “solo dove strettamente necessario o realmente utile”.

Accogliamo allora l’invito del Signore, il quale, ai discepoli che gli chiedevano «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua» (Mt 26,17), risponde che è suo desiderio celebrare la Pasqua non da solo, ma con loro («Andate in città da un tale e ditegli: “Il Maestro dice: il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”», Mt 26,18). Desiderio che Gesù confermerà la sera stessa della celebrazione della Pasqua («Quando venne l’ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui, e disse: “Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione»,
Lc 22,14-15).

Il desiderio di Gesù è indicazione preziosa per noi, suoi discepoli, che ci apprestiamo a vivere la Settimana Santa, il “centro” dell’anno liturgico e il “cuore” della vita cristiana. Gesù ci ricorda che ci vuole coinvolgere, perché noi siamo i beneficiari della Pasqua, della sua morte e risurrezione.

I riti dell’azione liturgica del Triduo, che culminerà nella Veglia della notte di Pasqua, ci consentiranno di partecipare, in prima persona e come comunità cristiana, alla Pasqua di Gesù, di beneficiare della sua morte e risurrezione. Dalle celebrazioni che si svolgeranno durante questa settimana, ci viene data l’opportunità di ricevere in dono la vita nuova del Signore Risorto, un’opportunità che resta sempre preziosa anche se la situazione di pandemia ci imporrà limitazioni nelle celebrazioni.

In particolare ne ricordo alcune.

La Domenica delle Palme non vivremo processioni, poiché sono vietate, e non ci sarà la distribuzione dei rami di ulivo alle porte, poiché troveremo il nostro rametto sul banco al fine di evitare passaggi di mano e contatti.

Il Giovedì Santo nella Messa in Coena Domini verrà omessa la «lavanda dei piedi».

Il Venerdì Santo non potremo vivere con i ragazzi e bambini la Via Crucis per le vie di San Salvario (si cercherà di sostituirla con una Via Crucis in chiesa dove si rimarrà al posto). Nella celebrazione della Passione del Signore, l’atto di adorazione alla Croce mediante il bacio sarà «limitato al solo presidente della celebrazione».

Per ultimo, in ragione del coprifuoco, abbiamo dovuto anticipare l’orario di alcune celebrazioni, in particolare quello della Veglia pasquale.

Ma nonostante tutto il mio invito è fare il possibile per partecipare alle celebrazioni liturgiche, con la consapevolezza del dono che ci viene offerto e con la serenità che il dono del Risorto, anche nelle condizioni difficili e sofferte che stiamo vivendo, non viene meno, né perde un po’ della sua ricchezza.

Don Claudio

Dal vangelo secondo Marco  (11,1-10)

Quando furono vicini a Gerusalemme, verso Bètfage e Betània, presso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due dei suoi discepoli e disse loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito, entrando in esso, troverete un puledro legato, sul quale nessuno è ancora salito. Slegatelo e portatelo qui. E se qualcuno vi dirà: “Perché fate questo?”, rispondete: “Il Signore ne ha bisogno, ma lo rimanderà qui subito”».
Andarono e trovarono un puledro legato vicino a una porta, fuori sulla strada, e lo slegarono. Alcuni dei presenti dissero loro: «Perché slegate questo puledro?». Ed essi risposero loro come aveva detto Gesù. E li lasciarono fare.
Portarono il puledro da Gesù, vi gettarono sopra i loro mantelli ed egli vi salì sopra. Molti stendevano i propri mantelli sulla strada, altri invece delle fronde, tagliate nei campi. Quelli che precedevano e quelli che seguivano, gridavano: «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
Benedetto il Regno che viene, del nostro padre Davide!
Osanna nel più alto dei cieli!».

L’abitare condiviso in dialogo con Johnny Dotti

Lunedì 22 marzo si è svolto l’incontro online “Abitare in vicinanza. Dialoghi sull’abitare che (ri)genera.

L’evento è stato organizzato all’interno del progetto “Abitare in vicinanza”, con il sostegno della Compagnia di San Paolo all’interno del bando “Abitare il cambiamento. Welfare abitativo al servizio delle comunità”.

L’AGS per il territorio insieme ai tre housing salesiani (San Salvario House, Condominio Solidale Zia Gessy e San Paolo) ha dato vita all’incontro immaginando di approfondire il tema dell’abitare condiviso. E’ stato coinvolto come relatore Johnny Dotti, professore universitario di pedagogia, imprenditore sociale, presidente di “è-one abitare generativo”, impegnato sia a livello familiare che lavorativo sull’abitare condiviso.

La platea virtuale, composta da oltre 60 partecipanti, è stata eterogenea e ha coinvolto educatori e operatori impegnati in prima linea nei progetti di accoglienza, volontari, salesiani, giovani dell’MGS, formatori e famiglie interessate.

Durante l’incontro Dotti ha raccontato l’esperienza comunitaria familiare che lo vede da 35 anni, insieme alla sua famiglie, inserito in un’esperienza di comunità con altre 3 famiglie, le quali vivono l’accoglienza verso coloro che hanno più bisogno. Si è riflettuto insieme dell’origine della parola abitare (habitus) immaginandola non come una pura funzione ma come l’essere stesso della persona. L’abitare implica e si identifica nella relazione non solo con le persone, ma con il tempo, lo spazio e tutto ciò che ci circonda quotidianamente. Il dialogo è continuato riflettendo sull’importanza di uscire dalle proprie mura dell’appartamento che rischiano di snaturare la famiglia ed aprirsi all’altro, all’ospite. L’ospite è Dio che viene a bussare, a volte può essere anche scomodo, ma ci permette di andare oltre e vivere appieno l’abitare la relazione. L’abitare condiviso non deve portare immediatamente il pensiero ad una privazione di privacy ma aiuta al contrario a definire meglio la propria identità imparando a specchiarsi nell’altro: “ciascuno deve essere il tu dell’altro”. Nella vita comunitaria esistono spazi privati e altri pensati come luoghi comuni, questo permette di aprirsi agli altri, pur garantendo il proprio spazio alla famiglia o al singolo.

La partecipazione è stata attiva e sono state molte le domande; in particolare i partecipanti hanno interrogato il relatore sulla complessità che può nascere nell’inserire l’accoglienza in servizi e ancora come poter coinvolgere i giovani che abitano i nostri housing a sentirsi sempre più parte di un’unica comunità, o ancora come l’accoglienza può essere aprire le porte di casa ma anche diventare in uscita.

Dotti ha sottolineato che l’ospitalità può essere vissuta pienamente se si esce dall’ottica del servizio, della funzionalità e si va verso la relazione. Per coloro che lavorano in questi progetti significa mettersi in gioco e farsi trasformare dalle relazioni che si vanno a creare. Per il coinvolgimento dei giovani invece non è necessario dar loro risposte, ma occorre invece custodire la domanda ed insieme a loro cercare le risposte per una comunità che sentano sempre più loro. Infine l’accoglienza può essere sicuramente in entrata ed in uscita, occorre saper leggere i segni del momento e la richiesta del territorio e occorre, ancora una volta, affidarsi a Dio riconoscendolo in coloro che incrociamo fuori o dentro le porte di casa nostra.

Ringraziamo Johnny Dotti per la passione con cui ha raccontato l’abitare e ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato.

 

L’intero intervento puoi trovarlo al seguente link:

 

 

Quaresima: Se tutti dessimo il nostro piccolo contributo.

Se tutti dessimo il nostro piccolo contributo.

Camminando per le vie di San Salvario ho incontrato un signore, a pochi metri di distanza di colpo si è fermato, ha raccolto due pezzi di carta e li ha gettati nel cestino. Che bel gesto! Probabilmente anche lui aveva fretta; forse  stava andando ad un appuntamento importante oppure aveva qualche impegno urgente. Ma è riuscito a notare un pezzo di carta, che “sporcava” quel luogo, una cartaccia che stava lì da ore.

Alcuni passando avranno provato rabbia verso chi l’aveva gettata; altri l’avranno presa a calci; altri avranno inveito contro l’Amiat che non fa bene il suo lavoro…

Lui, invece, ha “risolto il problema”. Sicuramente San Salvario non è cambiato con quel gesto. Ma quella cartaccia non c’è più. Un pezzo di strada è più pulito. Un pezzo del nostro quartiere è più curato.

Mi sono chiesto, ripensando a quel gesto: quanto ti prendo a cuore San Salvario? E’ una domanda intensa. Ci prendiamo cura di noi, del nostro lavoro, dei nostri problemi, della nostra famiglia, di qualche persona cara. Eppure dovrebbe starci a cuore la città, il territorio, il paese. E’ la “nostra” casa. Quel tale ha trattato San Salvario come casa propria. In casa, se la maniglia della porta si rompe l’aggiusti, e se la lampadina si brucia, la cambi. La città, il paese, il territorio sono “casa comune”. Quando “usciamo di casa” in realtà entriamo nella “casa di tutti” con il desiderio di renderla abitabile, ospitale e bella.

Quel giorno due persone  sono passate su quella strada: uno ha buttato a terra due pezzi di carta, l’altro li ha raccolti. Il primo pensava di essere nella casa di “nessuno”, il secondo si sentiva nella casa di “tutti”. Il cestino era a pochi passi, era là a ricordare che dobbiamo tenere bella la città. Il primo non ha sentito l’appello. Il secondo ha raccolto l’appello, insieme alla carta. Ecco cosa mi ha insegnato quell’uomo: i cestini sono l’appello a trattare la città come casa comune. Anzi, a trattare il creato come casa comune. Non li avevo mai visti così. Grazie anonimo amico di “casa mia”.

Si dice che tanti “pochi” fanno “tanto”. E’ giusta considerazione. E questo anche rispetto alla pandemia. Ci sentiamo piccoli. Anzi, dopo un anno di sacrifici, tornare in Zona rossa ci fa sentire piccolissimi. Pare che tutti i nostri sforzi siano stati inutili: mascherine, distanziamenti, poche uscite, chiusure. Ci siamo impegnati e non vediamo risultati definitivi. Eppure il nostro poco, fatto seriamente è tanto.

Non stanchiamoci di dare il nostro contributo. Siamo al mondo per prenderci cura del mondo. Ripartiamo dalla cura disinteressata. Anche solo raccogliendo la carta, mettendo la mascherina, rispettando le norme di prevenzione richiesteci e trattando con gentilezza. Alla sera non avremo nulla di più in tasca, ma avremo fatto un regalo prezioso alla casa comune. Potranno dire di te ogni giorno: sei un regalo! Grazie.

Don Claudio

 

Dal vangelo secondo Giovanni (12,20-33)

 In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: ”Signore, vogliamo vedere Gesù”.
Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: “E’ venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome”. Venne allora una voce dal cielo: “L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!”.
La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: ”Un angelo gli ha parlato”. Disse Gesù:” Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me”. Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Via Crucis

Tutti i venerdì di quaresima (rispettando tutte le precauzioni
previste dalla normativa vigente anti-covid
)

  • PARROCCHIA SANTI PIETRO E PAOLO – ore 18.00
  • PARROCCHIA SACRO CUORE DI MARIA – ore 17.30
  • CHIESA SAN GIOVANNI EVANGELISTA – ore 17.15

Il Vescovo Cesare Nosiglia – a causa del protrarsi della pandemia e per evitare altri contagi e non mettere a ulteriore rischio la salute dei fedeli e dei ministri del Sacramento – ha rinnovato (come nel periodo di Avvento) la possibilità della celebrazione del Rito della Penitenza con assoluzione comunitaria e generale, sia per gli adulti che per i bambini e i ragazzi, senza previa confessione individuale. E’ forma straordinaria di vivere il Sacramento, con l’invito a vivere –non appena sarà possibile –il Sacramento stesso nelle modalità e forme tradizionali e ordinarie (confessione individuale).

 

CELEBRAZIONE COMUNITARIA

DEL SACRAMENTO DELLA RICONCILIAZIONE

­ PARROCCHIA SANTI PIETRO E PAOLO:

Mercoledì 24 marzo – ore 18.00, a cui seguirà Ss. Messa

­ PARROCCHIA SACRO CUORE DI MARIA:

Giovedì 25 marzo – ore 18.00, a cui seguirà Ss. Messa

DOMENICA DELLE PALME – 28 marzo

Orari e modalità nel rispetto delle norme previste per emergenza Covid

­ORARIO FESTIVO DELLE CELEBRAZIONI

­Non ci saranno processioni delle palme,

    né distribuzione dei rami d’ulivo agli ingressi.

­Verrà deposto, prima della celebrazione, un sacchettino

    di ulivo o un rametto sui posti disponibili in Chiesa.

­Ogni fedele potrà, al termine della celebrazione,

    portarselo personalmente a casa.

­Le offerte raccolte nelle Sante Messe parrocchiali (comprensive anche dell’eventuale offerta per l’ulivo, che liberamente ognuno potrà fare) saranno destinate ai poveri della parrocchia (“minestra dei poveri”)

Abitare in vicinanza. Dialoghi sull’abitare che (ri)genera

 

Lunedì 22 marzo, dalle 20,30 alle 22,00 si terrà l’incontro di formazione “Abitare in vicinanza. Dialoghi sull’abitare che (ri)genera” organizzato all’interno del progetto “Abitare in vicinanza”, con il sostegno della Compagnia di San Paolo all’interno del bando “Abitare il cambiamento. Welfare abitativo al servizio delle comunità”.

Il relatore sarà Johnny Dotti, imprenditore sociale e presidente di “e-one abitare generativo”, impegnato in prima linea sui temi dell’abitare, che anche come famiglia vive una dimensione di condivisione particolare.

Durante l’incontro sarà dato ampio spazio alle domande dei partecipanti.

L’incontro è completamente gratuito e per iscriversi è necessario inviare una email a abitare@agsterritorio.it

Quaresima: tempo privilegiato per la preghiera.

Quaresima: tempo privilegiato per la preghiera.

Il digiuno, l’elemosina e la preghiera sono i segni, o meglio le pratiche, della Quaresima. Papa Francesco, nel suo Messaggio, le definisce «le condizioni e l’espressione della nostra conversione». E aggiunge: «La via della povertà e della privazione (il digiuno), lo sguardo e i gesti d’amore per l’uomo ferito (l’elemosina) e il dialogo filiale con il Padre (la preghiera) ci permettono di incarnare una fede sincera, una speranza viva e una carità operosa».

La Quaresima, quindi, è un tempo privilegiato per la preghiera. Sant’Agostino dice che il digiuno e l’elemosina sono «le due ali della preghiera» che le permettono di prendere più facilmente il suo slancio e di giungere sino a Dio. E san Giovanni Crisostomo esorta: «Abbellisci la tua casa di modestia e umiltà con la pratica della preghiera. Così prepari per il Signore una degna dimora, così lo accogli in splendida reggia». Nel Messaggio per la Quaresima 2021 papa Francesco invita a rinnovare la speranza. «Nel raccoglimento e nella preghiera silenziosa – avverte il Pontefice – la speranza ci viene donata come ispirazione e luce interiore, che illumina sfide e scelte della nostra   missione: ecco perché è fondamentale raccogliersi per pregare (cfr Mt 6,6) e incontrare, nel segreto, il Padre della tenerezza. Vivere una Quaresima con speranza vuol dire sentire di essere, in Gesù Cristo, testimoni del tempo nuovo, in cui Dio “fa nuove tutte le cose”».

La Quaresima va accolta come tempo opportuno e favorevole, perciò, per dare più tempo alla preghiera.

Forse vale la pena di verificare come usiamo il tempo nelle nostre giornate. Possiamo immaginare di concederci meno alla televisione e di riservare qualche momento al silenzio, alla preghiera e alla lettura del Vangelo? E se questo avvenisse come famiglia ci farebbe camminare con Gesù accanto.

Le stesse domeniche di Quaresima offrono nell’Eucaristia pagine di Vangelo ricchissime e bellissime, ma anche la Parola di Dio delle messe feriali è di singolare intensità, soprattutto il Vangelo, perché non approfittarne?

Inoltre la Quaresima è tempo favorevole per incontrare la misericordia di Dio, e ritornare a sentire che il Signore continua a fidarsi di noi è una gioia per il nostro cuore. Sentiremo di essere liberi nell’animo e di essere stimolati a indirizzare i nostri passi sulla strada del bene. Viviamo e riscopriamo la grazia del Sacramento della Riconciliazione, è energia che ci fa consapevoli di essere capaci di compiere il bene e che il bene compiuto è come un seme che fruttifica con abbondanza.

Offriremo di nuovo la possibilità di viverlo comunitariamente, proprio per motivo precauzionale; non perdiamo questa occasione. (Salvo variazione dovute alle nuove disposizioni legate all’emergenza Covid, le due date proposte sono mercoledì 24 marzo a Santi Pietro e Paolo e giovedì 25 marzo al Sacro Cuore di Maria, alle ore 18.00).

Ricorda! La preghiera è la chiave che consente a Dio di entrare nel nostro cuore e riempirlo dei suoi doni.

Una volta, un uomo chiese a Dio un fiore e una farfalla, ma Dio gli diede un cactus e una larva.
L’uomo era triste poiché non capiva cosa avesse sbagliato nella richiesta. Allora pensò: “con tanta gente che aspetta…. “e decise di non domandare niente.
Passato qualche tempo, l’uomo verificò la richiesta che era stata dimenticata.
Con sua sorpresa, dallo spinoso e brutto cactus era nato il più bel fiore, e la orribile larva si era trasformata in una bellissima farfalla.

Dio agisce sempre giustamente.
Il tuo cammino è migliore, anche se ai tuoi occhi appare tutto sbagliato.
Se hai chiesto a Dio una cosa e ne hai ricevuto un’altra, abbi fiducia. Abbi la certezza che egli dà sempre quello di cui hai bisogno, al momento giusto. Non sempre quello che desideri è quello che necessiti.
Siccome egli non sbaglia mai la consegna delle tue richieste, vai avanti senza mormorare o dubitare.
La spina di oggi sarà il fiore di domani!

Don Claudio

 

Dal vangelo secondo Gv (3,14-21)

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: “Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiu nque crede in lui abbia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio”.

Via Crucis

Tutti i venerdì di quaresima (rispettando tutte le precauzioni
previste dalla normativa vigente anti-covid
)

  • PARROCCHIA SANTI PIETRO E PAOLO – ore 18.00
  • PARROCCHIA SACRO CUORE DI MARIA – ore 17.30
  • CHIESA SAN GIOVANNI EVANGELISTA – ore 17.15

Corso in Preparazione al Matrimonio

Venendo incontro ad alcune richieste

vogliamo ripartire con un nuovo Corso in Preparazione al Matrimonio.

Chi fosse interessato a partecipare anche in preparazione ad un futuro prossimo, remoto o ipotizzato matrimonio, chiediamo di farlo presente per organizzarlo al meglio.

(chiedere al Parroco [3384908977] o in segreteria [0116505176])

Notizie dalle Parrocchie: Digiuno per andare all’essenziale.

Digiuno per andare all’essenziale.

Il digiuno, che deve caratterizzare, insieme alla preghiera e all’elemosina, il cammino quaresimale, scrive un autore,  è «un grido di libertà che ci affranca da tutto quanto ci lega a noi stessi e alle nostre passioni». Guai, quindi, a ridurlo a un peso oneroso o a un semplice esercizio estetico assimilabile a qualche dieta sempre più in voga.  Inoltre, non meno significativo, preparare una grande festa con il digiuno è un modo per sottolinearne l’importanza. E la Pasqua è la festa più importante per un cristiano.

La tradizione distingue fra digiuno e astinenza, anche se le due tipologie vanno osservate assieme il Mercoledì delle Ceneri e il Venerdì Santo. Il digiuno si riferisce principalmente alla quantità di cibo, mentre l’astinenza guarda a ciò che si mangia. Quando si compie il digiuno è possibile fare un solo pasto completo, mentre gli altri saranno “leggeri” in base alle consuetudini. L’astinenza, invece, che è tipica dei venerdì di Quaresima, ma non solo, esclude il consumo di carne, un alimento che può essere sostituito da altri cibi come le verdure o il pesce. Certo, questa legge va sempre osservata senza mettere a rischio la salute delle persone.

Il digiuno ha precise radici bibliche. Nell’Antico Testamento esso rappresenta un richiamo a farsi umili davanti a Dio e rimanda alla totale dipendenza dal Signore, riconoscendo nel cibo, che mantiene l’uomo in vita, un dono dell’Altissimo. Tutto questo rimane valido nel Nuovo Testamento ma, di fronte al pericolo di una certa ostentazione, Gesù raccomanda maggiore discrezione nel modo di fare digiuno, senza mostrare evidenti indizi esterni. In questo contesto rientrano anche le ceneri che esortano alla penitenza. Il digiuno, poi, va a braccetto con l’elemosina e la preghiera, gli altri due “segni” della Quaresima, perché la rinuncia non è fine a se stessa e nemmeno una “prova” di mero dominio personale, come potrebbe essere per un atleta. Se desideriamo essere liberi da quanto ci opprime, è sempre per tornare a Dio, per vivere la carità con tutto il cuore e con tutta l’anima e per amare il prossimo come se stessi.

Ecco perché il digiunare non è solo rinunciare al cibo.  Dal momento che intendiamo il digiuno come uno sforzo che ci aiuta a spezzare le catene del peccato, ci possono essere molti modi per compiere questa pratica oltre a quelli che la tradizione ci offre. Così, tanto per dare un suggerimento, possiamo digiunare da alcuni mezzi della comunicazione sociale, a cominciare dall’uso smodato del cellulare. Tutto ciò consente di aprici a Dio e agli altri dedicando anche più spazio alla preghiera e di giungere davvero rinnovati ad accogliere il Risorto.

Guardiamo le nostre vite: quante cose inutili ci circondano! Inseguiamo mille cose che paiono necessarie e in realtà non lo sono. Quanto ci farebbe bene liberarci di tante realtà superflue, per riscoprire quel che conta, per ritrovare i volti di chi ci sta accanto! Digiunare è saper rinunciare alle cose vane, al superfluo, per andare all’essenziale. E’ cercare la bellezza di una vita più semplice.

 

Digiuna dal giudicare gli altri:

scopri Cristo che vive in loro.
Digiuna dal dire parole che feriscono:

riempiti di frasi che risanano.
Digiuna dall’essere scontento:

riempiti di gratitudine.
Digiuna dalle arrabbiature:

riempiti di pazienza.
Digiuna dal pessimismo:

riempiti di speranza cristiana.
Digiuna dalle preoccupazioni inutili:

riempiti di fiducia in Dio.
Digiuna dal lamentarti:

riempiti di stima per quella meraviglia che è la vita.
Digiuna dalle pressioni e insistenze:

riempiti di una preghiera incessante.
Digiuna dall’amarezza:

riempiti di perdono.
Digiuna dal dare importanza a te stesso: riempiti di compassione per gli altri.
Digiuna dall’ansia per le tue cose: compromettiti nella diffusione del Regno.
Digiuna dallo scoraggiamento: riempiti di entusiasmo nella fede.
Digiuna da tutto ciò che ti separa da Gesù: riempiti di tutto ciò che a Lui ti avvicina.

Don Claudio

 

Dal vangelo secondo Gv (2,13-25)

Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori dal tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: ”Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!”. I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: ”Lo zelo per la tua casa mi divorerà”.
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: ”Quale segno ci mostri per fare queste cose?”. Rispose loro Gesù: ”Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere”. Gli dissero allora i Giudei: ”Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?”. Ma egli parlava del tempio del suo corpo.
Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.
Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

Via Crucis

Tutti i venerdì di quaresima (rispettando tutte le precauzioni
previste dalla normativa vigente anti-covid
)

  • PARROCCHIA SANTI PIETRO E PAOLO – ore 18.00
  • PARROCCHIA SACRO CUORE DI MARIA – ore 17.30
  • CHIESA SAN GIOVANNI EVANGELISTA – ore 17.15

Corso in Preparazione al Matrimonio

Venendo incontro ad alcune richieste

vogliamo ripartire con un nuovo Corso in Preparazione al Matrimonio.

Chi fosse interessato a partecipare anche in preparazione ad un futuro prossimo, remoto o ipotizzato matrimonio, chiediamo di farlo presente per organizzarlo al meglio.

(chiedere al Parroco [3384908977] o in segreteria [0116505176])

Notizie dalle Parrocchie: Elemosina, per imparare ad amare come ama Dio.

 

Elemosina, per imparare ad amare come ama Dio.

L’elemosina, con la preghiera e il digiuno, è l’invito forte che ci giunge all’inizio di ogni quaresima, in quanto pilastri di una vita autenticamente cristiana secondo le parole di Gesù (Mt 6,1-18).

L’elemosina non è la semplice moneta offerta in fretta, senza guardare la persona e senza interessarsi di lei, ma è “un gesto di amore che si rivolge a quanti incontriamo; è un gesto di attenzione sincera a chi si avvicina a noi e chiede il nostro aiuto, fatto nel segreto dove solo Dio vede e comprende il valore dell’atto compiuto” (papa Francesco).

Infatti, il termine “elemosina”, deriva dal greco e significa proprio “misericordia”, “avere compassione”, che nasce e ha il suo modello nella misericordia di Dio per noi. Un Dio che ci ama profondamente, che si strugge per noi, che sta in pensiero per te, che ti vuol bene più di una madre.

Dice infatti il Signore: “Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio del suo seno? Anche se ci fosse la donna che si dimenticasse, io invece non ti dimenticherò mai” (Is 49, 15). E’ Dio allora il grande Elemosinatore e lo è con ciascuno di noi. Ecco perché per il cristiano l’elemosina più che un compito è un dovere, che assume il significato di restituzione di quanto il Signore ci ha donato.

Da qui il richiamo continuo che troviamo nella Bibbia. Nell’Antico Testamento Dio esige un’attenzione particolare per i poveri che, di volta in volta, sono i nullatenenti, gli stranieri, gli orfani e le vedove. Insieme all’obbligo di ricordarsi di loro, viene data anche un’indicazione preziosa: «Dai generosamente e, mentre doni, il tuo cuore non si rattristi» (Dt 15,10). Ciò significa che la carità richiede, anzitutto, un atteggiamento di gioia interiore. Offrire misericordia non può essere un peso o una noia da cui liberarci in fretta. Bello l’episodio del vecchio Tobia che, dopo aver ricevuto una grande somma di denaro, chiamò suo figlio e lo istruì con queste parole: «A tutti quelli che praticano la giustizia fa’ elemosina. […] Non distogliere lo sguardo da ogni povero e Dio non distoglierà da te il suo» (Tb 4,7-8). Sono parole che aiutano a capire il valore dell’elemosina.

Gesù, poi, ci ha lasciato un insegnamento insostituibile al riguardo. Ci chiede di non fare l’elemosina per essere lodati e ammirati dagli uomini per la nostra generosità, “non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra,  perché la tua elemosina resti nel segreto”. Non è l’apparenza che conta, ma la capacità di fermarsi per guardare in faccia la persona che chiede aiuto.

Non dobbiamo identificare, quindi, l’elemosina con la semplice moneta offerta in fretta, senza guardare l’altro, tacitando così la coscienza. L’elemosina è un gesto di amore che si rivolge a quanti incontriamo; è un gesto di attenzione sincera a chi si avvicina a noi e chiede il nostro aiuto, fatto nel segreto dove solo Dio vede e comprende il valore dell’atto compiuto. Pertanto l’elemosina non è legata soltanto al denaro ma anche ad altri beni più importanti per dignità e per fine. Per esempio puoi fare  elemosina del tuo tempo. Fare elemosina delle tue competenze. Fare elemosina dei doni che Dio ti ha dato. Soprattutto puoi fare elemosina della “tua” fede. Restituendo a Dio e ai fratelli quanto hai ricevuto dal grande e appassionato Elemosinatore, “e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà”. Facendo elemosina impariamo ad amare come Dio ama.

Facciamo nostre allora le parole dell’apostolo Paolo: «In tutte le maniere vi ho mostrato che i deboli si devono soccorrere lavorando così, ricordando le parole del Signore Gesù, che disse: ‘Si è più beati nel dare che nel ricevere!’» (At 20,35; cfr 2 Cor 9,7)”.

Don Claudio

 

Dal vangelo secondo Mc (9,2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elìa con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù:”Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa”. Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: ”Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!”. E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Via Crucis

Tutti i venerdì di quaresima (rispettando tutte le precauzioni
previste dalla normativa vigente anti-covid
)

  • PARROCCHIA SANTI PIETRO E PAOLO – ore 18.00
  • PARROCCHIA SACRO CUORE DI MARIA – ore 17.30
  • CHIESA SAN GIOVANNI EVANGELISTA – ore 17.15

Corso in Preparazione al Matrimonio

Venendo incontro ad alcune richieste

vogliamo ripartire con un nuovo Corso in Preparazione al Matrimonio.

Chi fosse interessato a partecipare anche in preparazione ad un futuro prossimo, remoto o ipotizzato matrimonio, chiediamo di farlo presente per organizzarlo al meglio.

(chiedere al Parroco [3384908977] o in segreteria [0116505176])

Cresima Adulti

Chi fosse interessato a prepararsi alla Cresima da adulto può comunicarlo al Parroco [3384908977] o in segreteria [0116505176]

Si sta organizzando un “percorso di preparazione

Notizie dalle Parrocchie: “Orazione sul popolo”: via e forza per vivere quanto celebrato

“Orazione sul popolo”: via e forza per vivere quanto celebrato.

Una delle novità del nuovo Messale, che spicca in particolare in questo tempo quaresimale, è la cosiddetta “orazione sul popolo”. Non è una novità assoluta, era già presente nei Messali precedenti al 1970 e si rivela come un fattore positivo in vista di una maggiore comprensione del tempo liturgico della quaresima.

Questa orazione si aggiunge alle tre orazioni sacerdotali presenti nella messa (“Colletta”, che introduce le letture, “Sulle offerte” e “Dopo la comunione”). Ma con una sua peculiarità. Le prime tre , infatti, presentano una caratteristica strutturale comune: la domanda è formulata a nome della comunità intera, compreso il celebrante che recita la preghiera. Essendo l’orazione formulata nella prima persona plurale, il celebrante non si separa da coloro per i quali chiede il soccorso divino, ma vi è implicato come presidente dell’assemblea.

Infatti, mentre le prime tre orazioni sono recitate dal sacerdote a braccia aperte, quasi a voler raccogliere tutte le preghiere dei fedeli in un’unica preghiera, quest’ultima è recitata dal sacerdote con le mani distese durante la preghiera, con un chiaro significato di epiclesi, cioè di invocazione dello Spirito. Cioè di benedizione, affinché il Signore illumini, sostenga e aiuti chi la riceve.

L’oggetto della preghiera si estende a tutta la gamma di beni di ordine sia temporale sia spirituale, necessari per condurre una vita autenticamente cristiana: purificazione dell’anima, remissione delle colpe, rinuncia al peccato, esercizio delle buone opere, pratica delle virtù, progresso nella vita spirituale, perseveranza finale. Infine, l’orazione sul popolo chiede l’intervento divino sul popolo che si prepara alle feste pasquali e che la sua efficacia raggiunga il vissuto quotidiano del credente. Infatti la quaresima è tempo di lotta spirituale più intensa, che ha bisogno di maggiori benedizioni da parte di Dio.

Ma queste orazioni ricordano anche a noi sacerdoti che non abbiamo diritto  di «togliere o aggiungere alcunché di propria iniziativa». Infatti  come avverte la Conferenza Episcopale la «superficiale propensione a costruirsi una liturgia a propria misura» non solo «pregiudica la verità della celebrazione ma arreca anche una ferita alla comunione ecclesiale». Il sacerdote non parla a nome proprio, ma a nome della Chiesa, a nome del Signore.

Don Claudio

 

L’“orazione sul popolo” si presenta, invece, come una preghiera che il sacerdote rivolge a Dio per l’assemblea, della quale egli non si considera esplicitamente come membro. Collocato al di sopra della comunità sulla quale implora l’aiuto di Dio, egli appare come l’intermediario, il mediatore tra Dio e i fedeli, formulando la preghiera nella seconda persona plurale. Lo scopo dell’orazione, quindi, è quello di richiedere la benedizione divina sull’assemblea.

Dal vangelo secondo Mc (1,12-15)

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Via Crucis

Tutti i venerdì di quaresima (rispettando tutte le precauzioni
previste dalla normativa vigente anti-covid
)

  • PARROCCHIA SANTI PIETRO E PAOLO – ore 18.00
  • PARROCCHIA SACRO CUORE DI MARIA – ore 17.30
  • CHIESA SAN GIOVANNI EVANGELISTA – ore 17.15
Preghiera Giovani

Tutte le domeniche sera (ore 21.00)

Presso Istituto San Giovanni Evangelista – Via Madama Cristina,1

Per prepararsi affidandosi e accompagnati dal Signore alla Pasqua.

Corso in Preparazione al Matrimonio

Venendo incontro ad alcune richieste

vogliamo ripartire con un nuovo Corso in Preparazione al Matrimonio.

Chi fosse interessato a partecipare anche in preparazione ad un futuro prossimo, remoto o ipotizzato matrimonio, chiediamo di farlo presente per organizzarlo al meglio.

(chiedere al Parroco [3384908977] o in segreteria [0116505176])

Cresima Adulti

Chi fosse interessato a prepararsi alla Cresima da adulto può comunicarlo al Parroco [3384908977] o in segreteria [0116505176]

Si sta organizzando un “percorso di preparazione

Catechismo

E’ ripreso, rispettando tutte le normative anti-covid,

il cammino di catechesi per tutte le fasce di età.

Vivremo ancora due momenti celebrativi delle Ceneri per i bambini dei primi due anni (lunedì 22/2 e martedì 23/2).

Per tutti i gruppi si alterneranno momenti insieme in chiesa e momenti in gruppo all’Oratorio SSPP o on-line).

I vari calendari sono comunicati ai singoli gruppi per fascia di età!